NEWS SU VIAGRA

Gli antagonisti del Viagra danno inizio alla rappresaglia. Dal mese di giugno infatti scadrà l’esclusiva italiana sulla pillola più famosa e imitata nel mondo. Le compagnie produttrici del farmaco generico, sono in attesa di appropriarsi di una buona fetta del mercato che rende circa 73 milioni di euro all’anno.

Nel 2011 In Italia, il Sildenafil essendo un farmaco di fascia C, per cui è necessaria la prescrizione medica, si trovava sul sesto posto nel mercato farmaceutico. Tra i primi nella classifica dei medicinali contro la disfunzione erettile si posiziona il farmaco Cialis, poi procedono ansiolitici e paracetamolo. L’arrivo sul mercato farmaceutico dei preparati generici significherebbe una notevole riduzione del prezzo di circa 30-40%: attualmente il costo medio di 4 pillole, per il dosaggio di 50 mg, è pari a 53,85 euro. Tuttavia, è troppo complicato fare ipotesi finché i nuovi giocatori non entreranno nel mercato mondiale. E’ ovvio che, più partecipanti saranno, più notevole sarà anche la diminuzione dei costi.

Ormai sono passati più di 15 anni dalla presenza del Viagra sul mercato Italiano. I suoi effetti furono impressionanti, dal punto di vista economico e sociale. La pastiglia color blu ha lasciato le tracce nella storia. Si ritiene che ogni 6 secondi nel mondo qualcuno prende la pastiglia, alla fine del 2011 si parlava di vendite su circa 2,5 miliardi di dollari annuali. La famosa casa farmaceutica Pfizer annualmente ricava circa 2 miliardi di dollari. Solo in Italia, in giro di dieci anni, il numero di consumo di pillole ha superato i 60 milioni, ovvero gli uomini con età sopra ai 40 anni, con il rapporto di 4300 pillole su mille persone. L’ apice delle vendite di Viagra si registra in città come Pistoia, Roma e Rimini.

Ogni due anni, la casa farmaceutica Pfizer ha diritto di variare il prezzo, alzandolo e abbassando. A proposito, l’ultima variazione è stata approvata il 3 gennaio. Affinché il monopolio sia mantenuto, tenteranno di guadagnare il massimo perché dopo, anche ad essi spetta la riduzione dei costi. Il ruolo dell’esclusiva non porterà cambiamenti esclusivamente nelle farmacie, ma anche sul mercato illegale. Viagra è un medicinale più richiesto nel mondo clandestino. Da alcune ricerche svolte, si nota un doppio mercato farmaceutico nei confronti di quello legale. Secondo gli studi, il crollo dei prezzi porterà la riduzione anche delle vendite clandestine.

Le case produttrici sono molto fiduciose che in un futuro prossimo, grazie alla riduzione dei costi, ci sarà un incremento delle vendite. “Siamo certi che succederà- ha commentato il dottore di urologia di Roma, Vincenzo Gentile – dato che i pazienti sono scrupolosi nelle scelte d’acquisto: sopratutto, in un momento di recessione economica. Dubito fortemente che con la scadenza dell’esclusiva, i clienti andranno ad acquistare i farmaci dei concorrenti. Bisogna tenere conto, che i farmaci come il Claris e il Viagra non sono uguali. La scissione nel sangue del primo avviene entro 18 ore, invece il secondo come anche il Levitra rimane solamente per 7-8 ore.” Dunque, prima di acquistare qualsiasi farmaco bisogna appropriarsi di una ricetta medica. “Bisogna riflettere sul fatto che un farmaco come il Viagra sia riuscito a rendere le persone più consapevoli dei problemi andrologici, eseguendo le visite mediche più frequentemente. Entrambe le parti hanno vinto in questa battaglia: sia i pazienti, che eseguono accurati controlli, sia i medici che sono arrivati alla notevole diminuzione delle malattie legate alla disfunzione erettile.”

E’ ufficialmente riconosciuto come il farmaco “dell’amore”: il Viagra è la medicina del sesso che fa rendere a letto gli uomini liberi, sempre più giovani e felici. Questa magica pillola ha molti effetti, non solo quello fisiologico ma anche sentimentale: gli uomini sembrerebbero sempre più teneri, più legati al proprio partner e hanno bisogno di coccole.

Il ritrovamento sentimentale, pubblicato dai prestigiosi Journal of Phisiology e Daily Telegraph di Londra e da altri giornali britannici, è il risultato degli studi fatti da ricercatori americani di University of Wisconsin-Madison. Gli studiosi hanno affermato che la “Pillola color blu” accende nel cervello “il bisogno di tenerezze”, che fa rendere gli uomini più romantici. Ovviamente, prima di annunciare a donne insoddisfatte che il Viagra fa i miracoli, occorre fare le ricerche supplementari. Ma gli scienziati di oggi non escludono che proprio tale scoperta porti le persone ad innamorarsi.

Le ricerche sono state svolte su un elemento chiamato ossitocina, le cui capacità sono già conosciute nel mondo scientifico. “L’ormone dell’amore” è il soprannome che ha ottenuto per le sue straordinarie caratteristiche: emozioni, romanticismo, forti legami con la compagnia. IL medesimo ormone ha suo effetto durante l’orgasmo, diffondendolo negli uomini e anche nelle donne , dove l’ormone influisce nel periodo di gravidanza e allattamento. Sarà una strana coincidenza, ma è lo stesso enzima che funziona da freno regolatore sulla quantità destinata a raggiungere il cervello, e anche definisce l’afflusso del sangue al pene.

I ricercatori americani hanno sottolineato che il farmaco Viagra, reagendo su quell’enzima, non solo ferma l’afflusso di sangue al pene, ma nello stesso tempo sblocca il freno sull’affluenza del romantico ormone nel cervello. Nelle ricerche svolte sugli animali sottoposti al farmaco Viagra, è stato verificato il triplo valore di ossitocina nel loro cervello.

In poche parole, si potrebbe definire che” la pillola color blu” fa sentire alla parte maschile non solo l’istinto sessuale, ma anche essere innamorati ancora di più delle loro partner. Non fa sorprendere lo stesso meccanismo di “romanticismo” anche nei farmaci Cialis e Levitra. Il primo farmaco Viagra è stato scoperto durante gli studi sulle malattie vascolari.

Il professore Meyer Jackson – un ricercatore dell’università del Wisconson, cosi ha commentato tale scoperta: ” Mancano ancora tanti pezzi in questo puzzle, ma siamo sicuri che le capacità del Viagra di curare problemi erettili possono essere sfruttate per altre problematiche del nostro corpo.” Lo scienziato però ribadisce: per ottenere sensazioni romantiche dal Viagra, prima di tutto è necessario che ci sia già qualche scintilla.

Insomma, non è possibile innamorarsi della prima che capita, semplicemente somministrando il farmaco. Ma chi può saperlo, magari per le donne che necessitano delle maggiori effusioni e coccole dai loro compagni o mariti – “la pillola blu” potrebbe essere l’ultima speranza di ottenerle.

Commenti chiusi.